Jean-Claude Tardif, Silenzi dove non oserò più il tuo nome

silenzi

Foto di Chiara De Luca

 

Silenzi dove non oserò più il tuo nome
strana giunchiglia dei mattini d’inverno
quando il cielo sarà così leggero

Sollevarti al di sopra del mio viso
sarà ricordo di nuvola,
storia di neve

riflessi dei racconti che non narrerò più
per meglio saperli sulle tue labbra
punteggiate di canti di uccelli

e la febbre che più a lungo
ci fa adorare le nostre vecchie giovinezze

 

Jean-Claude Tardif, da Della vita lenta, Edizioni Kolibris, Bologna 2010

 

 

Silences où je n’oserai plus ton prénom
jonquille étrange des matins d’hiver
alors que le ciel sera si léger

Te soulever au-dessus de mon visage
sera souvenir de nuage,
histoire de neige

reflets de ces contes que je ne dirai plus
pour mieux les savoir sur tes lèvres
piquetées de chants d’oiseaux

et de la fièvre qui davantage
nous fait adorer nos vieilles jeunesses

 

 

 

Jean_Claude TardifJean-Claude Tardif è nato nel 1963 a Rennes in una famiglia di operai e attualmente vive in un villaggio in Alta Normandia, non lontano da Le Havre. Poeta, narratore, autore di racconti, anima da più di dieci anni gli incontri di “Livre à dire” a Montivilliers, dove invita e presenta autori sia francesi che stranieri. Dal 1999 dirige la rivista «À l’Index». Ha collaborato alla curatela di numerose antologie dedicate alla poesia contemporanea, alcuni suoi testi sono stati tradotti in tedesco, spagnolo, italiano, farçy, linguala… Ha pubblicato numerosi libri di poesia e narrativa. Werner Lambersy dice di lui: “Tardif è uno di quelli che inventano la vita laddove altri attendono che la vita li inventi…” Tra le opere più recenti di Tardif ricordiamo: Per Éditions La Dragonne: De la vie lente – poesie –1999, pubblicato in edizione bilingue da Edizioni Kolibris nel 2011 con il titolo Della vita lenta (traduzione di Chiara De Luca); L’homme de peu – poesie – 2001 (pubblicato in edizione bilingue da Edizioni Kolibris nel 2011 con il titolo L’uomo da poco (traduzione di Chiara De Luca); Louve Peut-être – racconto – 2005 (fotografie di Jean-Michel Marchetti); Les Jours Père – racconto – 2009 (prefazione di Philippe Claudel). Per Éditions Editinter: Le Bestiaire de Poche & d’ailleurs – poesie – 2003 (illustrazioni di Claudine Goux); A contre fruit – poesie – 2004 (illustrazioni di Claudine Goux); Il existe aussi des histoires d’amour – racconto – 2006; Ordinaire & Alentours – poesie – 2009; Conversation à Voix Rompues – 2009 (in collaborazione con Jean-Albert Guénégan); Le Bestiaire Improbable – 2010 (illustrazioni di Claudine Goux). Per Éditions Rafaël de Surtis: Pierre Taillande, L’homme aux papillons – novella – 2007; Les Tanka noirs – poèmes – 2008. Per altri editori: Nuitamment – poesie – Cadex éditeur, 2001 (prefazione di Marcel Moreau – Incisioni di Bernadette G.Cullafroz); Prorata Temporis – racconto – Editions Le Mort-qui-trompe, 2007; La Nada – novelle – Editions Le Temps Qu’il Fait, 2009; Claire-Obscur – romanzo – Éditions Les Promeneurs Solitaires, 2010; Guahamani – poema – Éditions Clarisse, 2010.

Advertisements


Categories: Autori Kolibris, French Poetry, Kolibris' Authors

Tags: , , , ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: