Carmen Bugan: Riflessioni su Esilio e Lingua

 

[precedentemente pubblicato nel blog Nuova provincia di Matteo Veronesi]

traduzione di Chiara De Luca e Matteo Veronesi 

 

 

Perché non scrivo nella mia lingua natale

 

 La mia esperienza di scrittura poetica in inglese può essere spiegata nel migliore dei modi raccontandovi la composizione della poesia sul divorzio dei miei genitori. In rumeno, anni fa, la intitolai Divortul, ossiaIl Divorzio. Quando iniziai a sognare in inglese, e quando le parole iniziarono a salirmi alle labbra in inglese, avvertii dentro di me una occulta corrente di novità. Libertà e vivezza: la mia lingua pian piano si scioglieva, e volevo vedere come tutto ciò risuonava nella mia nuova lingua. Dapprima scrissi ciò che ricordavo della poesia in rumeno, poi cercai di tradurlo: fu intitolata, successivamente, L’AulaUn voto d’amore e infine Il Divorzio. Molte delle prime versioni inglesi avevano al proprio interno troppe spiegazioni: perché mia madre era stata costretta a divorziare, cos’era accaduto in aula – proprio come se tutta la storia del paese dovesse essere narrata solo perché la poesia stessa potesse scaturire. Poi, quando divenni più radicata nella mia “terra lontana”, appresi a condensare il racconto in immagini che lasciassero trasparire, sullo sfondo, la molteplicità dei racconti. E così accadde con molte altre poesie, finché la lingua inglese cominciò a farmi vibrare in accordo con i suoi suoni, e le parole rumene cessarono di tornare a ritradurre le poesie. A distanza di tempo, penso che sarebbe necessario un grande sforzo per riversare la cultura da cui scrivo ora nella cultura rumena che avevo abbandonato appena prima della Rivoluzione. E se ora cercassi di scrivere in rumeno, sarebbe piuttosto come tornare a casa su una vecchia mappa (linguistica).
Ma c’è qualcosa di più. Mi chiedono tanto spesso perché io non scriva in rumeno che penso a ciò lungamente e profondamente. Per prima cosa, non voglio scrivere nella lingua in cui la mia famiglia subì interrogatori, visite in prigione, minacce di ogni tipo. Certamente non voglio ricordare tutte le volte che ci scrivemmo e bruciammo le nostre parole: fummo sorvegliati ventiquattr’ore al giorno negli ultimi cinque anni che ho trascorso nel mio paese, e tutto ciò che dicevamo fu registrato da microfoni disposti intorno alla casa. Odiavo sottintesi, menzogne, la paura delle parole. Ora faccio parte di coloro che scrivono in una lingua appresa. E faccio parte di coloro che si sforzano di definire le proprie responsabilità come persone che, nate in un paese, vivono, di propria volontà, in un altro. Questa potrebbe apparire a molti una di quelle condizioni che si riesce facilmente a superare. Ma la ragione per la quale si scrive nella propria lingua natia, dall’esilio, è che la lingua natia ha in sé bellezza e verità. I poeti scrivono nella loro lingua natia per ricordare il calore di casa, gli usi della città e del villaggio, la giovinezza felice. Vogliono ricreare un senso di casa, un bozzolo tiepido intorno all’esperienza raggelata dell’esilio. Ma il mio esilio è il mio bozzolo. Preferisco esprimermi in inglese che ricordare i bambini che mi chiamavano “figlia di un criminale” nella mia lingua natia: quella non ebbe mai suono di sicurezza, di bene o di casa. Quando smisi di guardarmi le spalle per vedere se qualcuno mi stesse seguendo per farmi del male, smisi di cercare di scrivere poesia nella mia lingua natale. Credo che le poesie stesse facciano apparire la mia scelta meno stridente o meno impertinente. Nella mia situazione non è così male stare sulla sponda della dimenticanza.

(Carmen Bugan, da “Poetry Magazines)

 

traduzione di Matteo Veronesi

 

 

 

Da Vent’anni dopo: riflessioni su Esilio e Lingua

 

Sono giunta ad odiare la lingua in cui sono nata. Non è un giudizio, è un’emozione che dura da vent’anni; sono assolutamente certa di non essere sola in quest’esperienza. Ma questo fenomeno è anche un simbolo fortissimo di sopravvivenza: come l’acqua, se le parole sono arrestate da una diga, continueranno a vagare e proromperanno in un altro luogo – in un’altra lingua. In inglese, per un po’, mi sentii con la lingua annodata, ma dopo aver imparato la lingua potei parlare con franchezza di ciò che era successo a noi e a me. Non appena ciò iniziò ad accadere iniziai a dominare me stessa, ad avere e ad esprimere le mie opinioni, a scrivere poesia senza temerne le conseguenze. Divenni libera e proclamai il mio Salut au monde con la stessa intensità con cui Walt Whitman proclamava nella sua poesia che ognuno di noi è invincibile, con i propri diritti di uomo o di donna sopra questa terra. Così mi gettai con furia nella lingua inglese e nella vita: danzai per le strade nel cuore della notte senza temere le tenebre, appesi le mie poesie agli alberi nel campus universitario ad Ann Arbour quando ero studentessa, trovai i documenti su mio padre nella biblioteca universitaria e divenni fiera che gli altri sapessero che i miei genitori non avevano chinato il capo, non si erano venduti a una dittatura, e che eravamo sopravvissuti a tutto con cuori e spiriti intatti. Infine, fui io a bandire la lingua rumena dalla mia poesia. Non c’era spazio per lei in questa luce, nel dire la verità, nel potente sforzo di vivere come un essere umano felice dall’altra parte del mondo. Non tornai più in Romania, tranne che per una visita di una settimana nel 1995, quando diedi l’ultimo addio a mia nonna che stava morendo di cancro, perché quando mio padre pose la propria vita e le nostre vite in pericolo per abbattere il regime di Ceausescu, nessuno lo seguì. La gente accorse per vederlo, lo vide e poi si nascose, terrorizzata, dove poteva.

(Carmen Bugan, da After Twenty Years: Reflections on Exile and Language «interLitQ.org»)

 

traduzione di Matteo Veronesi

 

 

The divorce

 

Before they brought him to the courtroom, they gave him three apples:

‘Your wife sent you these.’ He cradled each apple in the cup of his hands,

The smoothness of their skin became the cheeks of each child.

 

Inside the courthouse there was a quiet opening and closing of doors.

A crowd of people was chanting his name under the windows.

When the door opened, I saw his bare feet in brown shoes.

 

His children held each other tight against the wall.

Their breaths, white with cold, were rising towards the ceiling.

They listened for the voices of their parents.

 

When the divorce was over, he was allowed to see them:

They kissed his chained hands, promised to be good, let their tears fall

On his prison uniform with his own, all three of them burying him.

 

How I wished we could hide him with our bodies and take him home!

The Securitate peeled us off him. But we were the apple seeds left to grow

In the sound of his chains on the cement floor.

 

 

Carmen Bugan, da Crossing the Carpathians, Carcanet, Manchester 2004

 

 

 

 

 

Il divorzio

 

Prima di portarlo nell’aula del tribunale, gli diedero tre mele:

“Queste te le manda tua moglie.” Le cullò una a una nel palmo delle mani,

la pelle liscia di ciascuna divenne quella della guancia di uno dei tre figli.

 

Dentro il tribunale c’era tutto un quieto aprirsi e chiudersi di porte.

Una folla di persone salmodiava sotto le finestre il suo nome.

Quando la porta si aprì, vidi i suoi piedi scalzi nelle scarpe marroni.

 

I figli si stringevano l’un l’altro contro la parete.

Il loro respiro, imbiancato dal gelo, saliva verso il soffitto.

Cercavano di sentire le voci dei genitori.

 

Quando il divorzio fu concluso, gli fu concesso di vederli:

loro gli baciarono le mani incatenate, promisero di essere buoni, lasciarono

le lacrime mescersi alle sue sull’uniforme della prigione, seppellendolo insieme.

 

Come avrei voluto nasconderlo con i nostri corpi per riportarlo a casa!

La polizia segreta ci strappò da lui. Ma eravamo i semi di mela lasciati a crescere

nel suolo delle sue catene sul pavimento di cemento.

 

 

Da Crossing the Carpathians, Carcanet, Manchester 2004

 

 

traduzione di Chiara De Luca

 

Advertisements


Categories: Autori Kolibris, Kolibris' Authors, Migrating Literature, Poets writing in a language different from their own mother tongue

Tags: , , , , , ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: